Fondazione Teatro alla Scala
Pubblica amministrazione

PROCEDURA APERTA TELEMATICA EX ARTT. 58 E 60 DEL D. LGS. N. 50/2016 PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI IN USO ALLA FONDAZIONE TEATRO ALLA SCALA E SUE SEDI ESTERNE. CIG: 85324321A2

Oggetto: PROCEDURA APERTA TELEMATICA EX ARTT. 58 E 60 DEL D. LGS. N. 50/2016 PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI IN USO ALLA FONDAZIONE TEATRO ALLA SCALA E SUE SEDI ESTERNE. CIG: 85324321A2
Tipo di fornitura:
  • Servizi
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 2.291.811,00
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 2.284.011,00
Oneri Sicurezza (Iva esclusa): € 7.800,00
CIG: 85324321A2
Stato: In svolgimento
Centro di costo: Direzione Tecnica
Data pubblicazione: 15 dicembre 2020 17:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 22 gennaio 2021 17:00:00
Data scadenza: 29 gennaio 2021 18:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • DGUE
  • Domanda di partecipazione
  • PASSOE
  • Documento di Identità
  • Cauzione - Fidejussione
  • Eventuali documenti integrativi
  • Dichiarazione in caso Avvalimento
  • Dichiarazione verifiche antimafia
  • Autodichiarazione
  • Capitolato Speciale d'Appalto
  • Sopralluogo
  • Marca da bollo

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Elenco ditte ammesse e convocazione apertura plichi offerte tercniche 12/03/2021 15:03 Altri Documenti
Graduatoria provvisoria 14/05/2021 15:11 Altri Documenti
Determina nomina Commissione Giudicatrice 12/03/2021 15:02 Determina di nomina della commissione di gara

Elenco chiarimenti

Chiarimento n. 1

Domanda:

Non riusciamo a scaricare il capitolato d'appalto, in quanto il portale segnala che si tratta di documento troppo pesante.
 

Risposta:

La documentazione di gara è altresì pubblicata al seguente link: https://www.teatroallascala.org/it/lavora-con-noi/fornitori.html nella sezione BANDI DI GARA 2020.

Chiarimento n. 2

Domanda:

In relazione al requisito richiesto dal Disciplinare di gara pag. 8 - 6.3 REQUISITI DI CAPACITA' TECNICO PROFESSIONALE - punto E.1) "di aver eseguito con buon esito, negli ultimi tre anni dalla data di pubblicazione del bando, almeno 1 servizio di pulizia di edificio di pregio storico-artistico e culturali (museo, teatro) ad alto afflusso di pubblico per un periodo non inferiore a 12 mesi continuativi, è corretto intendere di ottemperare a quanto richiesto gestendo servizi di pulizie in ambito sanitario ad alto afflusso di pubblico per il periodo da Voi richiesto? 

Risposta:

Con riferimento al quesito posto, si fa presente che trattasi di requisito di "punta", per cui viene richiesta espressamente l'indicazione di un servizio di pulizia di: 1) edificio di pregio storico-artistico e culturale; 2) ad alto afflusso di pubblico; 3) per 12 mesi continuativi. L'ambito sanitario, seppur rientrando nella definizione di "alto afflusso di pubblico", sicuramente non riguarderebbe un edificio storico-artistico e culturale.

Chiarimento n. 3

Domanda:

Si chiede se il modulo relativo alle "dichiarazioni verifiche antimafia" debba essere presentato da tutti i soggetti di cui all'articolo 80 del DLGS 50 /2016 già in fase di partecipazione alla gara non rinvenendo nessuna disposizione di questo tenore nel disciplinare. si chiede invece di confermare che queste dichiarazioni dovranno essere rese solo dai soggetti dell'operatore economico aggiudicatario della procedura. 

Risposta:

Le dichiarazioni relative alle verifiche antimafia fanno riferimento ai soggetti indicati nell'art. 85 del D. Lgs. n. 159/2011 e verranno richieste soltanto all'aggiudicatario, in quanto propedeutiche ai fini della sottoscrizione del contratto. Il modello messo a disposizione non è obbligatorio e può essere inserito nella documentazione amministrativa, a soli fini acceleratori.

Chiarimento n. 4

Domanda:

Il punto 6.3 – E.1 del Disciplinare di gara chiede il possesso del requisito di esecuzione con buon esito di almeno un (1) servizio di pulizia di edificio di pregio storico-artistico e culturale (museo, teatro) ad alto afflusso di pubblico. Si chiede di voler confermare che l’indicazione di museo teatro è solo indicativa e che tra gli edifici di pregio storico-artistico e culturale rientrano anche palazzi storici e monumentali, quali gli edifici di pregio dove hanno sede gli organi istituzionali (Palazzo delle Finanze in Roma, Compendio del Quirinale). 

Risposta:

Si conferma che l'indicazione inserita tra parentesi di museo, teatro è meramente indicativa e non esaustiva, rientrando anche palazzi storici e monumentali ove possono avere sede anche Organi Istituzionali e non solo.

Chiarimento n. 5

Domanda:

buonasera, al fine di valutare correttamente il requisito di capacità tecnico professionale si chiede di quantificare la dicitura "ad alto afflusso di pubblico". 

Risposta:

Con riferimento al quesito posto, non è possibile quantificare numericamente la dicitura "alto afflusso di pubblico"; a tal fine, si deve tenere in considerazione che possono essere considerate strutture ad alto afflusso di pubblico - a titolo esemplificativo, ma non esaustivo - i casinò, gli alberghi, le ville di prestigio, gli aeroporti, gli ospedali, le università, le biblioteche, ecc…

Chiarimento n. 6

Domanda:

si chiede entro quale data deve essere richiesto ed effettuato il sopralluogo obbligatorio

Risposta:

Così come descritto nel Disciplinare di gara nell'articolo 11, il sopralluogo potrà essere effettuato fino a 7 giorni prima del termine di scadenza delle offerte.

Chiarimento n. 7

Domanda:

Gent.mi, alla luce della Vostra risposta del 16.12 in merito al seguente chiarimento: D.: buonasera, al fine di valutare correttamente il requisito di capacità tecnico professionale si chiede di quantificare la dicitura "ad alto afflusso di pubblico". R: Con riferimento al quesito posto, non è possibile quantificare numericamente la dicitura "alto afflusso di pubblico"; a tal fine, si deve tenere in considerazione che possono essere considerate strutture ad alto afflusso di pubblico - a titolo esemplificativo, ma non esaustivo - i casinò, gli alberghi, le ville di prestigio, gli aeroporti, gli ospedali, le università, le biblioteche, ecc… Si chiede conferma che gli ospedali soddisfino in toto il requisito richiesto dal Disciplinare di gara pag. 8 - 6.3 REQUISITI DI CAPACITA' TECNICO PROFESSIONALE - punto E.1) "di aver eseguito con buon esito, negli ultimi tre anni dalla data di pubblicazione del bando, almeno 1 servizio di pulizia di edificio di pregio storico-artistico e culturali (museo, teatro) ad alto afflusso di pubblico per un periodo non inferiore a 12 mesi continuativi.

Risposta:

Con riferimento al quesito posto, fermo restando che non possono essere considerati chiarimenti i quesiti giuridici o afferenti alle possibili modalità di partecipazione alla procedura previste dal Codice Appalti, si conferma quanto indicato nelle precedenti FAQ. Nello specifico, il riferimento ai servizi di pulizia negli Ospedali non soddisfa in toto il requisito richiesto, in quanto mancherebbe il requisito dell'edificio di pregio storico artistico ed il periodo non inferiore a 12 mesi continuativi.

Chiarimento n. 8

Domanda:

Si chiede cortesemente di confermare che il requisito di cui al punto 6.3 E 2 del Disciplinare di gara, ossia “aver impiegato un numero medio annuo di operatori addetti ai servizi oggetto di gara non inferiore a 40 unità” sia soddisfatto avendo impiegato nel triennio 2017 2018 2019 un numero medio di addetti non inferiore a 40 nel settore generico di gara ossia il settore delle pulizie e non sia invece richiesto che il numero medio di addetti debba essere impiegato nella pulizia di edifici di pregio storico artistico culturale ad alta affluenza.

Risposta:

Con riferimento al quesito posto, fermo restando che non possono essere considerati chiarimenti i quesiti giuridici o afferenti alle possibili modalità di partecipazione alla procedura previste dal Codice Appalti, l'esperienza relativa alla pulizia di edifici di pregio storico artistico culturale ad alta affluenza di pubblico per un periodo di 12 mesi continuativi, viene richiesta nel requisito di cui al punto 6.3 E.1).

Chiarimento n. 9

Domanda:

Con riferimento a quanto indicato in oggetto, si chiede alla S.V. di voler rendere chiarimento al seguente quesito. Il punto 6.3 – E.1 del Disciplinare di gara chiede il possesso del requisito di esecuzione con buon esito di almeno un (1) servizio di pulizia di edificio di pregio storico-artistico e culturale (museo, teatro) ad alto afflusso di pubblico. Al riguardo, anche al fine di consentire la massima partecipazione alla procedura di gara, si chiede alla S.V. di voler chiarire e/o confermare che l'esecuzione di un contratto di pulizia che comprenda la contemporanea di uffici pubblici, allocati anche presso strutture storiche, e numerose strutture di pregio storico - artistico quali ad esempio musei, Castello, auditorium, palazzi storici, etc., sia idoneo a soddisfare il requisito in questione.

Risposta:

Buongiorno, non si comprende la richiesta di chiarimento formulata.

Fermo restando che la Stazione Appaltante non può fornire chiarimenti in merito alle possibili modalità di partecipazione alla procedura previste dal Codice Appalti, si conferma quanto descritto al requisito di cui al punto 6.3 E.1) del Disciplinare di gara e che lo stesso è riferito ad almeno n. 1 (uno) contratto di pulizia di edifici di pregio storico artistico culturale ad alto afflusso di pubblico per un periodo non inferiore a 12 mesi continuativi.

Chiarimento n. 10

Domanda:

Si prega Codesta Spettabile Stazione Appaltante di fornire l'elenco del personale uscente comprensivo del monte ore.

Risposta:

L'elenco del personale uscente dovrebbe essere disponibile nella sezione Documenti pubblicati.

Chiarimento n. 11

Domanda:

Buongiorno, in relazione all'istituto dell'avvalimento che, come previsto dall'art. 89 del Codice e come ribadito nel disciplinare, può essere utilizzato per dimostrare il possesso di requisiti di carattere economico e finanziario, si chiede conferma che il possesso della fascia di classificazione possa essere oggetto di avvalimento, in quanto la sua assegnazione viene data esclusivamente in base a determinati requisiti di tipo economici e finanziari.

Risposta:

In merito al quesito posto, si evidenzia che, ai sensi dell'art. 89 del D. Lgs. n. 50/2016, non è ammesso avvalimento per i requisiti di idoneità professionale, per cui non è ammesso l'avvalimento per l’iscrizione all’albo delle imprese di pulizia. Secondo la più recente Giurisprudenza e secondo l'Autorità (vedasi da ultimo Consiglio di Stato, Sez. V, 16/11/2020, n. 7037 e DELIBERA ANAC N. 1235 del 29 novembre 2017), il requisito dell’iscrizione all’albo delle imprese di pulizia ai sensi della Legge n. 82/1994 e del d.m. n. 274/1997 alla fascia di classificazione indicata nella lex specialis, non è suscettibile di avvalimento. Il divieto di avvalimento riguarda l’iscrizione nel registro delle imprese di pulizie in quanto collegata a una delle fasce di classificazione, e implica la preclusione ad avvalersi della capacità di terzi anche per la sola maggiore classifica in possesso di questi. Il requisito di idoneità professionale, per sua funzione, qualifica il soggetto economico nella sua unitarietà, non è scindibile nelle sue diverse componenti o nei suoi diversi profili.

Chiarimento n. 12

Domanda:

Per quanto riguarda l’attività di presidio, la Stazione Appaltante prevede un numero minimo di addetti e un orario minimo giornaliero per le diverse sedi oggetto dell’appalto. Si chiede di confermare che le ore minime vadano moltiplicate per ogni addetto, ad esempio, per la sede del Teatro vengono richiesti 5 addetti su un orario minimo di 10 ore dal lunedì al venerdì quindi si richiede un monte ore settimanale di 350 ore.

Risposta:

sì conferma che si tratta di 5 addetti per 10 ore ciascuno.

Chiarimento n. 13

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, si chiede se la fornitura del materiale economale per i bagni (carta igienica, carta mani, sapone) sia a carico della Ditta aggiudicataria. In caso affermativo si richiede di conoscere l'afflusso medio mensile di utenza (dipendenti, artisti, pubblico). Distinti saluti

Risposta:

ll materiale di consumo per la ricarica dei dispenser presenti in Teatro e nelle sedi esterne sono fornite dalla Fondazione. Cordialmente

Chiarimento n. 14

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, si chiede se la fornitura del materiale economale per i bagni (carta igienica, carta mani, sapone) sia a carico della Ditta aggiudicataria. In caso affermativo si richiede di conoscere l'afflusso medio mensile di utenza (dipendenti, artisti, pubblico). Distinti saluti

Risposta:

ll materiale di consumo per la ricarica dei dispenser presenti in Teatro e nelle sedi esterne sono fornite dalla Fondazione. Cordialmente

Chiarimento n. 15

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante In relazione al presidio previsto all’art. 5 del Capitolato, si chiede una precisazione. Ad esempio per il Teatro la Scala si chiede la presenza di 2 addetti presso il Settore Monumentale e Museo Teatrale tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.00. I 2 addetti devono essere presenti in contemporanea, quindi per un totale di 20 ore al giorno di presidio (10 ore giorno/addetto x 2 addetti)? Distinti saluti

Risposta:

Si conferma che si tratta di due persone presenti contemporaneamente, per un totale di 20 ore giornaliere (potrebbero essere anche 4 persone per 5 ore ciascuna, l’importante è avere la copertura di una compresenza di almeno due addetti nell’arco delle 10 ore ogni giorno).

Chiarimento n. 16

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, si pongono i seguenti chiarimenti: 1) Per il criterio tecnico A.2.3 si chiede conferma che nella formula matematica verrà utilizzato il monte ore totale biennale offerto. 2) Si chiede se per il criterio A.2.6 l'indicazione di attribuzione del punteggio in modo quantitativo sia un refuso. Solitamente questo criterio risulta Tabellare. 3) Si chiede se nel criterio A.1.6 il monte ore di formazione da utilizzare nella formula matematica sia quello totale complessivo biennale (riferito alla totalità degli addetti) 4) Si chiede se sia previsto un monte ore minimo biennale (distinto per gli anni 2021 e 2022 alla luce delle differenze della programmazione degli eventi/spettacoli). 5) Al fine di ottemperare alla clausola sociale e poter presentare il Piano di Assorbimento previsto in Disciplinare, si chiede gentilmente di fornire le seguenti indicazioni: nominativo Ditta attuale, Numero di addetti, Livelli di inquadramento, CCNl applicato, ore settimanali di ciascuno. Distinti saluti

Risposta:

1) Per il criterio tecnico A.2.3 si chiede conferma che nella formula matematica verrà utilizzato il monte ore totale biennale offerto. R. Si, verrà preso in considerazione il monte ore totale biennale offerto. Per il criterio indicato viene richiesta l’indicazione del numero di monte ore per tipologia di addetto, in relazione al piano di lavoro ed ai macchinari utilizzati, poiché verrà preso in considerazione l'adeguatezza del monte ore proposto per l’esecuzione del servizio. 2) Si chiede se per il criterio A.2.6 l'indicazione di attribuzione del punteggio in modo quantitativo sia un refuso. Solitamente questo criterio risulta Tabellare. R. Si, in effetti trattasi di refuso, in quanto il criterio risulta Tabellare. Difatti, nella descrizione del criterio effettuata nell’art. 14 del Disciplinare, si chiede l’eventuale disponibilità (o meno) ad effettuare interventi specifici in giorni non lavorativi 3) Si chiede se nel criterio A.1.6 il monte ore di formazione da utilizzare nella formula matematica sia quello totale complessivo biennale (riferito alla totalità degli addetti). R. Si, verrà preso in considerazione il numero di ore totale biennale dedicato alla formazione del personale. 4) Si chiede se sia previsto un monte ore minimo biennale (distinto per gli anni 2021 e 2022 alla luce delle differenze della programmazione degli eventi/spettacoli). R. Il monte ore è stimato, poiché la programmazione teatrale potrebbe subire variazioni continue anche nello stesso anno; gli spettacoli, per un verso, e le prove, per altro verso, hanno tempistiche molto diversificate tra loro a seconda che si tratti di spettacoli di lirica, balletto o di concerto e al loro interno variano a seconda dei titoli inseriti o che verranno inseriti nella programmazione stessa. Lo svolgimento del servizio di pulizia per un immobile in cui si svolgono rappresentazioni artistiche uniche non può essere assimilato ad un servizio di pulizia di un immobile adibito ad altre attività istituzionali, ragion per cui si è provveduto ad effettuare una stima di massima quanto più attendibile, cautelativa e che tenga conto di eventuali imprevisti, anche sulla base dell’espletamento del servizio svolto nel corso degli anni. 5) Al fine di ottemperare alla clausola sociale e poter presentare il Piano di Assorbimento previsto in Disciplinare, si chiede gentilmente di fornire le seguenti indicazioni: nominativo Ditta attuale, Numero di addetti, Livelli di inquadramento, CCNl applicato, ore settimanali di ciascuno. Distinti saluti. R. Per quanto riguarda i dati relativi al personale uscente gli ulteriori dati, ritenuti rilevanti al fine della predisposizione sia dell’offerta tecnica, che dell’offerta economica, sono presenti nella nuova pubblicazione dell’elenco del personale.

Chiarimento n. 17

Domanda:

Dalla documentazione fornita da Codesta Spettabile Stazione Applante non si evincono alcuni dati essenziali per la formulazione di un'offerta tecnica ed economica vantaggiosa. A tal fine si chiede di voler specificare: - La suddivisione del monte ore annuale tra i vari livelli - Le fasce di reperibilità del responsabile del servizio da ampliare (come richiesto dal criterio A.1.3) - Come Codesta Spettabile Stazione Appalntante intende attribuire il punteggio in base al: 1. numero di ore dedicate alla formazione del personale (come richiesto dal criterio A.1.6) 2. monte ore per addetto su piano di lavoro e macchinari (come richiesto dal criterio A.2.3) 3. la disponibilità di interventi specifici in giorni non lavorativi (come richiesto dal criterio A.2.6) 4. numero di ispezioni/controlli a campione (come richiesto dal criterio B.1.4)

Risposta:

D. La suddivisione del monte ore annuale tra i vari livelli R. Questa si dovrebbe evincere dalla nuova pubblicazione dell’elenco del personale. D. Le fasce di reperibilità del responsabile del servizio da ampliare (come richiesto dal criterio A.1.3) R. Il criterio è Tabellare (T) ragion per cui verrà considerato l’ampliamento rispetto al normale orario di lavoro previsto nell’art. 5.1 del CSA. - Come Codesta Spettabile Stazione Appaltante intende attribuire il punteggio in base al: D. numero di ore dedicate alla formazione del personale (come richiesto dal criterio A.1.6) R. Il criterio è Quantitativo (Q), per cui il relativo punteggio è assegnato attraverso la seguente formula: Ra / Rmax, dove Ra è l’offerta del concorrente; Rmax è l’offerta più conveniente. 2. monte ore per addetto su piano di lavoro e macchinari (come richiesto dal criterio A.2.3) R. Anche in questo caso il criterio è Quantitativo (Q), per cui il relativo punteggio è assegnato attraverso la seguente formula: Ra / Rmax, dove Ra è l’offerta del concorrente; Rmax è l’offerta più conveniente. 3. la disponibilità di interventi specifici in giorni non lavorativi (come richiesto dal criterio A.2.6) R. Con riferimento al criterio A.2.6) ed al calcolo indicato (Q), si fa presente che trattasi di mero refuso, in quanto il criterio risulta Tabellare. Difatti, nella descrizione del criterio effettuata nell’art. 14 del Disciplinare, si chiede l’eventuale disponibilità (o meno) ad effettuare interventi specifici in giorni non lavorativi 4. numero di ispezioni/controlli a campione (come richiesto dal criterio B.1.4). R. Il criterio è Quantitativo (Q), in quanto si chiede di indicare il numero di ispezioni e controlli, si propone di effettuare preordinati alla verifica del c.d. “controllo di risultato”.

Chiarimento n. 18

Domanda:

Buongiorno con la presente siamo a richiedere i seguenti chiarimenti 1 in relazione all'elenco del personale uscente reso disponibile nella sezione “Documenti pubblicati” si chiede cortesemente se è possibile avere un maggior dettaglio. Nello specifico si chiede se è possibile avere il dettaglio per singolo addetto (con l’indicazione del suo livello) o quantomeno una indicazione delle ore globali suddivise per livello. 2 si chiede di specificare se la media monte ore annuale pari a 55.323 ore da voi indicata si riferisca alle ore medie annuali del servizio svolto a regime o se invece questo dato si riferisca all'anno 2020 caratterizzato dalle sospensioni derivanti dall'emergenza epidemiologica in corso. Distinti saluti.

Risposta:

Nella sezione documenti è stato inserito l'aggiornamento dell'organico uscente con maggiori dettaglio anche in relazione al monte ore. Il monte ore è stato suddiviso per l'anno 2020 e 2021 in relazione alle attuali incertezze per il 2020 dovuti all'emergenza in essere e per il 2021 quando si spera che l'attività dovrebbe tornare ai livelli di normalità

Chiarimento n. 19

Domanda:

Buongiorno, con riferimento all'art. 14 del Disciplinare di gara, si chiede se è possibile utilizzare un font di dimensioni inferiori a 12 per la compilazione delle tabelle. Distinti saluti.

Risposta:

Il format richiesto riguarda la relazione tecnica, per cui è possibile utilizzare un font di dimensioni inferiori a 12 per la compilazione delle sole tabelle.

Chiarimento n. 20

Domanda:

- In relazione alla griglia di valutazione dell'Offerta Tecnica si chiede di chiarire se i criteri tabellari vadano dichiarati ed inseriti all'interno dell'Offerta Tecnica e se, quindi, debbano essere conteggiati nelle 20 pagine previste per la stesura del Progetto. - Si chiede di chiarire se la figura da mettere a disposizione in relazione al criterio A.1.2 della griglia di valutazione dell'Offerta Tecnica, corrisponde con la figura del Responsabile del Servizio prevista all’Art. 5 del Capitolato oppure si fa riferimento ad un ulteriore livello di coordinamento? DISTINTI SALUTI

Risposta:

La Relazione tecnica - per una adeguata valutazione - dovrà contenere tutti i criteri dettagliati, ivi inclusi i criteri tabellari, i quali, quindi, verranno conteggiati nelle 20 pagine. In secondo luogo, si fa rilevare che la figura del Responsabile del Servizio di cui all'art. 5 del CSA è diversa rispetto alla figura del supervisore/coordinatore, quest'ultima prevista come figura eventuale ed ulteriore rispetto al Responsabile del Servizio, come si evince anche dai due diversi criteri A.1.2), nel quale è richiesta anche la fascia di reperibilità ed il criterio A.1.3), nel quale si chiede di eventualmente ampliare la reperibilità di quest'ultimo.

Chiarimento n. 21

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, con la presente si richiedono i seguenti chiarimenti: 1) All’art. 9.12 del Capitolato, in relazione alle attività speciali in attuazione del Protocollo sanitario anti COVID-19, viene indicata la seguente dicitura: “Il corrispettivo economico relativo a queste attività speciali è da computarsi separatamente rispetto alle attività ordinarie previste in capitolato, ecc”. Si chiede a tal proposito: a) confermate che nella Base d’asta siano già state previste le attività speciali finalizzate al contenimento del rischio di contagio da COVID, di cui all’allegato 4 del Capitolato? B) Considerando che il modulo di offerta economica prevede di indicare unicamente il ribasso percentuale sulla base d’asta, confermate che non sia in fase di offerta necessario indicare il computo economico separato per tali attività? 2) All’art. 12 del Capitolato “Obblighi dell’impresa”, vengono indicate una serie di dichiarazioni da rendere unitamente all’offerta; dal momento che nei modulo predisposti dalla Stazione Appaltante non ci risulta essere presenti le tre dichiarazioni, si chiede ove vadano inserite: documentazione amministrativa o in aggiunta al modulo Offerta Economica? 3) Al fine di poter valutare correttamente l’offerta, si chiede cortesemente di comunicare l’importo mensile attualmente fatturato nell’appalto in corso, con distinzione tra il canone base e quello eventualmente aggiuntivo per gli interventi aggiuntivi legati all’emergenza sanitaria da COVID-19. Si ringrazia e si porgono distinti saluti.

Risposta:

Si conferma che nella base d'asta sono ricomprese le attività speciali in attuazione del Protocollo sanitario anti Covid-19. Con riferimento alle dichiarazioni obbligatorie previste nell'art. 12 del Capitolato d'Appalto, trattasi di mero refuso, in quanto tali dichiarazioni verranno richieste direttamente all'aggiudicatario, tra la documentazione da presentare ai fini della stipulazione del contratto; tanto è possibile evincere chiaramente posto che, la sanzione prevista in caso di mancata produzione di tali dichiarazioni, sarà la risoluzione del contratto e non già l'esclusione dalla procedura di gara.

Chiarimento n. 22

Domanda:

Buonasera, il monte ore anno indicato nel file 'organico personale uscente' tiene già conto delle attività da svolgere in attuazione al protocollo sanitario per il contenimento del rischio di contagio da COVID19?

Risposta:

Si, si conferma che il monte ore annuo tiene conto delle attività da svolgere in attuazione al protocollo sanitario per il contenimento dell'emergenza Covid19 in essere.

Chiarimento n. 23

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante Con la presente si richiedono i seguenti chiarimenti: 1) Per frequenza giornaliera si intende da lunedì alla domenica? 2) Gli interventi giornalieri sono da eseguirsi tutte le settimane dell’anno, o sono previsti dei periodi di chiusura? 3) All’art. 5.1 del Capitolato vengono descritti i vari presidi richiesti; all’art. 9 viene invece elencato il Dettaglio del servizio. Ad esempio al punto 30 dell’art. 9.1, il Capitolato fa riferimento alla pulizia del palcoscenico con presidio costante durante l’intera giornata lavorativa in funzione delle prove e degli spettacoli: si chiede se tale presidio sia aggiuntivo e diverso dai presidi descritti all’art. 5.1. Analogamente la domanda è posta per l’attività 7 dell’art. 9.8.1 (“per ogni giornata in cui sono programmati spettacoli, da un’ora prima e fino al termine degli stessi, dovrà essere garantita la presenza di due persone dell’impresa che dovranno essere immediatamente reperibili dai preposti del Personale di Sala”) e per le altre indicazioni di presidio presenti all’art. 9. 4) Sarebbe possibili avere una suddivisione delle superfici maggiormente dettagliata per aree omogenee e/o locali? Dalle planimetrie risulta difficile determinare le superfici corrette in quanto le tavole sono fuori scala, non risulta presente una scala grafica e nemmeno delle misure quotate che consentano di determinare la scala del disegno. Distinti saluti

Risposta:

D) Per frequenza giornaliera si intende da lunedì alla domenica?

R) La frequenza giornaliera è relativa ai giorni di attività di ogni singola sede, quindi indicativamente: per il Teatro dal lunedì alla domenica (Orchestra, Coro e Corpo di Ballo osservano comunque un giorno di riposo settimanale, in genere il lunedì ma soggetto a possibili variazioni); per l’Ansaldo dal lunedì al sabato; per gli uffici amministrativi (esterni alla sede di Via Filodrammatici 2) dal lunedì al venerdì; per i depositi in base all’attività prevista dal programma mensile. Va comunque tenuto presente che l’attività nelle varie sedi è comunque scandita dalla programmazione mensile che può variare inevitabilmente in base alla programmazione della produzione artistica.

D) Gli interventi giornalieri sono da eseguirsi tutte le settimane dell’anno, o sono previsti dei periodi di chiusura?

R) Come specificato dal capitolato, nei periodi in cui vengono svolte le pulizie cosiddette “intensive” (chiusura estiva in genere fra fine Luglio e fine Agosto, e nel periodo antecedente l’inaugurazione della stagione lirica del 7 Dicembre) tali attività intensive sono da considerarsi sostitutive delle pulizie ordinarie.

D) All’art. 5.1 del Capitolato vengono descritti i vari presidi richiesti; all’art. 9 viene invece elencato il Dettaglio del servizio. Ad esempio al punto 30 dell’art. 9.1, il Capitolato fa riferimento alla pulizia del palcoscenico con presidio costante durante l’intera giornata lavorativa in funzione delle prove e degli spettacoli: si chiede se tale presidio sia aggiuntivo e diverso dai presidi descritti all’art. 5.1.

R) L’art. 5.1 specifica che è richiesto un presidio giornaliero dalle ore 8:00 alle ore 18:00 di 5 addetti (2 per l’area monumentale e 3 per gli altri spazi) e che nelle giornate in cui sono previsti spettacoli fuori dall’orario sopra indicato è inoltre richiesto un presidio di 4 addetti (2 per area monumentale e 2 per il palcoscenico) dalle ore 18:00 sino al termine degli spettacoli. L’art. 9.1 specifica quindi una ulteriore richiesta, ovvero la “pulizia del palcoscenico con presidio costante durante l’intera giornata lavorativa in funzione delle prove e degli spettacoli e del calendario di produzione (anche notturna in caso di attività)”. Va in ogni caso tenuto presente che l’attività di palcoscenico è comunque scandita dalla programmazione mensile che può variare inevitabilmente in base alla programmazione della produzione artistica.

D) Analogamente la domanda è posta per l’attività 7 dell’art. 9.8.1 (“per ogni giornata in cui sono programmati spettacoli, da un’ora prima e fino al termine degli stessi, dovrà essere garantita la presenza di due persone dell’impresa che dovranno essere immediatamente reperibili dai preposti del Personale di Sala”) e per le altre indicazioni di presidio presenti all’art. 9. 4).

R) I due addetti a cui fa riferimento l’art. 9.8.1 sono gli stessi specificati all’art. 5.1, ovvero un presidio totale di 4 addetti (2 per area monumentale e 2 per il palcoscenico) dalle ore 18:00 sino al termine degli spettacoli nelle giornate in cui gli spettacoli cadessero fuori dall’orario 8:00-18:00 coperto dal presidio diurno.

D) Sarebbe possibili avere una suddivisione delle superfici maggiormente dettagliata per aree omogenee e/o locali? Dalle planimetrie risulta difficile determinare le superfici corrette in quanto le tavole sono fuori scala, non risulta presente una scala grafica e nemmeno delle misure quotate che consentano di determinare la scala del disegno. 

R) Si allega, nella sezione documenti; un disegno formato DWG (con l’indicazione di alcune quote principali interne ed esterne) che permette di verificare le dimensioni effettive del Teatro. Si segnala altresì che i PDF generati contengono sempre alcune quote principali che permettono (nel caso in cui il disegno fosse fuori scala, situazione comunque anomala) di scalare correttamente la dimensione dei singoli edifici.

Chiarimento n. 24

Domanda:

Come è possibile stimare correttamente la forza lavoro necessaria durante gli eventi/manifestazioni/spettacoli in programma per gli anni 2021 e 2022?

Risposta:

Per gli spettacoli in Teatro è specificata la copertura di personale necessaria agli articoli 5.1 e 9.1 del capitolato speciale d’appalto. Per quanto riguarda gli eventi e le manifestazioni, in particolare nelle sedi esterne, allo stesso art. 5 è specificato il numero stimato di appuntamenti previsti per gli anni 2021 e 2022. Allo stesso articolo 5 è specificato il numero di incontri con il pubblico in Teatro (Ridotto dei Palchi “Arturo Toscanini” o Ridotto delle Gallerie) stimati per gli anni 2021 e 2022: l’attività da prevedersi (oltre alla pulizia degli spazi come prevista da capitolato effettuata dagli addetti di presidio) consiste nel posizionamento e successiva rimozione di circa un centinaio di sedie pieghevoli della tipologia “da regista”, immagazzinate in appositi ripostigli al piano nella vicinanza dei due ridotti.

Chiarimento n. 25

Domanda:

in merito alla predisposizione dell’Offerta Tecnica, considerando il numero di criteri richiesti e il ridotto numero di pagine a disposizione, si chiede se risulti possibile utilizzare per tabelle, immagini e diagrammi, un carattere leggermente inferiore al 12, purchè facilmente leggibile. Distinti saluti

Risposta:

come già esplicitato in atra precedente FAQ si precisa che:

Il format richiesto riguarda la relazione tecnica, per cui è possibile utilizzare un font di dimensioni inferiori a 12 per la compilazione delle sole tabelle.

Chiarimento n. 26

Domanda:

Buongiorno, come possiamo quantificare il numero eventi/spettacoli al di fuori dell'orario di lavoro ordinario 08:00 - 18:00? All'art. 5.1 si parla di presidio al di fuori dell'orario di lavoro ordinario dalle ore 18:00 fino al termine dell'evento. Come è possibile quantificare correttamente le ore di presidio?

Risposta:

Gli spettacoli e concerti serali sono certamente la maggior parte; purtroppo a causa della attuale emergenza non è semplice stimare l’andamento dell’anno 2021 in base a quando sarà possibile riaprire il teatro al pubblico per gli spettacoli serali. E’ possibile però stimare che a regime gli spettacoli serali (fuori dalla fascia oraria 8:00-18:00) siano presumibilmente l’80% del totale degli spettacoli annuali. E’ possibile stimare che in media gli spettacoli con inizio alle ore 20:00 terminino alle ore 23:00 (dipendentemente dalla durata dell’opera, balletto o concerto e dal numero di intervalli previsti fra gli atti). In ogni caso non si andrà mai oltre le ore 24:00.

Chiarimento n. 27

Domanda:

Si chiede di voler confermare, con riguardo al requisito di capacità tecnico-professinale E.1), che nessun importo è richiesto per il cosiddetto "servizio di punta", e che pertanto il requisito de quo si intende soddisfatto se ricorrono esclusivamente le seguenti caratteristiche: "Servizio dipulizia svolto presso edifici di pregio storico - artistico e culturale ed alto afflusso di pubblico per un periodo non inferiore a 12 mesi continuativi" Cordialmente

Risposta:

In ordine al quesito posto, si conferma che - per il requisito tecnico-professionale richiesto al punto E.1) del Disciplinare di gara - non è richiesto un importo minimo di esecuzione del servizio.

Chiarimento n. 28

Domanda:

Buongiorno, si pongono i seguneti quesiti: - è presente un monte ore minimo? - il pagamento sarà a forfait o a misura? - il pagamento sarà retribuito per le ore svolte o a corpo? Grazie e Cordiali saluti

Risposta:

Non risulta previsto un monte ore minimo, ma le prestazioni minime che devono essere garantite, così come il pagamento sarà a corpo e non già a misura ed il relativo pagamento verrà effettuato come previsto e disciplinato nel Capitolato Speciale d'Appalto, a cui si deve fare riferimento anche per gli altri chiarimenti inoltrati.

Chiarimento n. 29

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, innanzitutto si ringrazia per le risposte esaustive fornite ai nostri precedenti quesiti. Con la presente siamo a formulare le seguenti ulteriori domande: 1) Sviluppando le ore del personale fornite con il nuovo documento “Organico uscente aggiornato al 28-12”, si ottiene un monte ore anno totale di circa 59.000, ben superiore al totale delle ore annue precedentemente fornito dalla Ditta uscente. Si chiede se si debba comunque tener conto del valore precedentemente indicato pari a 55.323 ore anno (tra l’altro valore in linea con le ore da Voi stimate per i successivi anni 2021 e 2022). 2) Si chiede se nei monte ore annui indicati nel suddetto nuovo documento “Organico uscente aggiornato al 28-12” siano comprese le ore del Responsabile del Servizio e degli altri referenti previsti agli articoli 13.b (referenti per ciascuna sede) e art. 14 (referente specifico per Settore Monumentale del Teatro). 3) Si chiede se nel monte ore totale biennale da indicare nel criterio tecnico A.2.3, siano da comprendere anche le ore espletate dal Responsabile del Servizio e degli altri referenti previsti agli articoli 13.b (referenti per ciascuna sede) e art. 14 (referente specifico per Settore Monumentale del Teatro). 4) Al fine di poter stimare, seppur approssimativamente, in modo più corretto l’impegno orario del presidio presso il Teatro alla Scala da garantire al di fuori dell’orario di lavoro ordinario (art. 5, lett. a), si potrebbe avere una stima di quanti siano gli eventi che rientrano in questa casistica, rispetto al precedente elenco di eventi e spettacoli riportati all’inizio dell’art. 5 ? Inoltre, considerando che il presidio deve iniziare alle 18:00 e terminare alla fine dell’evento, risulta corretto stimare mediamente che gli eventi finiscano intorno alle 22:30 ? Distinti saluti.

Risposta:

Spett. Stazione Appaltante, innanzitutto si ringrazia per le risposte esaustive fornite ai nostri precedenti quesiti.

Con la presente siamo a formulare le seguenti ulteriori domande:

1) Sviluppando le ore del personale fornite con il nuovo documento “Organico uscente aggiornato al 28-12”, si ottiene un monte ore anno totale di circa 59.000, ben superiore al totale delle ore annue precedentemente fornito dalla Ditta uscente. Si chiede se si debba comunque tener conto del valore precedentemente indicato pari a 55.323 ore anno (tra l’altro valore in linea con le ore da Voi stimate per i successivi anni 2021 e 2022).

Su tale aspetto si allega nei documenti nuovo documento aggiornato.

2) Si chiede se nei monte ore annui indicati nel suddetto nuovo documento “Organico uscente aggiornato al 28-12” siano comprese le ore del Responsabile del Servizio e degli altri referenti previsti agli articoli 13.b (referenti per ciascuna sede) e art. 14 (referente specifico per Settore Monumentale del Teatro).

Nel documento "Organico uscente" sono ricomprese le ore dei referenti previsti agli art. 13.b e art. 14.

3) Si chiede se nel monte ore totale biennale da indicare nel criterio tecnico A.2.3, siano da comprendere anche le ore espletate dal Responsabile del Servizio e degli altri referenti previsti agli articoli 13.b (referenti per ciascuna sede) e art. 14 (referente specifico per Settore Monumentale del Teatro).

Si conferma.

4) Al fine di poter stimare, seppur approssimativamente, in modo più corretto l’impegno orario del presidio presso il Teatro alla Scala da garantire al di fuori dell’orario di lavoro ordinario (art. 5, lett. a), si potrebbe avere una stima di quanti siano gli eventi che rientrano in questa casistica, rispetto al precedente elenco di eventi e spettacoli riportati all’inizio dell’art. 5 ? Inoltre, considerando che il presidio deve iniziare alle 18:00 e terminare alla fine dell’evento, risulta corretto stimare mediamente che gli eventi finiscano intorno alle 22:30 ?

Gli spettacoli e concerti serali sono certamente la maggior parte; causa emergenza Covid19 in essere, non è semplice stimare l’andamento dell’anno 2021 in quanto dipende da quando sarà possibile riaprire il teatro al pubblico per gli spettacoli serali. E’ possibile però stimare che gli spettacoli serali (fuori dalla fascia oraria 8:00-18:00) saranno presumibilmente l’80% del totale degli spettacoli annuali. E’ possibile stimare che in media gli spettacoli con inizio alle ore 20:00 terminino alle ore 23:00 (dipendentemente dalla durata dell’opera, balletto o concerto e dal numero di intervalli previsti fra gli atti). In ogni caso non si andrà mai oltre le ore 24:00.

Chiarimento n. 30

Domanda:

AVVISO DI PROROGA SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE OFFERTE E AVVISO RETTIFICA DISCIPLINARE

Risposta:

SI COMUNICA CHE A SEGUITO DI ALCUNE RICHIESTE DI POSTICIPO TERMINE DI SCADENZA PRESENTAZIONE OFFERTE I TERMINI SONO STATI POSTICIPATI COME DA DOCUMENTAZIONE  "AVVISO DI PROROGA TERMINI" CONTESTUALMENTE ALL' AVVISO DI RETTIFICA DISCIPLINARE INSERITI IN PIATTAFORMA NELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA E SUL SITO DELLA FONDAZIONE NELLA SPECIFICA SEZIONE DELLA PROCEDURA.

Chiarimento n. 31

Domanda:

In relazione al criterio tecnico A.2.7 “Indicazione dell’eventuale disponibilità in caso di particolari esigenze a modificare l’orario di esecuzione del servizio in funzione dell’andamento delle attività lavorative”, confermate che l’indicazione della tipologia “Discrezionale” del criterio sia un refuso, e che tale criterio si debba intendere invece come “Tabellare”? Distinti saluti

Risposta:

Si veda la modifica alla documentazione apportata con rettifica al Disciplinare di gara nella sezione documenti

Chiarimento n. 32

Domanda:

Buongiorno, in relazione alla procedura di cui trattasi, si chiede di ricevere i seguenti chiarimenti in riferimento al Progetto Tecnico e suoi allegati: 1- si chiede se eventuale copertina e indice sono esclusi dal numero massimo delle 20 facciate statuito. 2- si chiede se tale relazione vada suddivisa in tre distinti pdf o in alternativa si possa riunire in un unico pdf di complessive 20 facciate. 3- si chiede se l'eventuale documentazione allegata vada inserita in una cartella compressa e inserita in uno specifico campo dello step di caricamento della busta B - Offerta Tecnica. 4- si chiede se, con riferimento alle Faq 19 e Faq.25, al fine di evitare un arbitrario utilizzo della dimensione del font utilizzato per le tabelle o un ricorso eccessivo all'uso delle stesse nella relazione tecnica da parte degli operatori economici partecipanti alla procedura, possa essere fissato una dimensione minima del font anche per il font utilizzato nelle eventuali tabelle in ottemperanza al principio della par condicio competitorum. 5- si chiede se il criterio A2.7, così come chiarito per il similare criterio A2.6, vada considerato come un criterio Tabellare. 6- si chiede se il criterio A2.8 vada considerato come criterio Tabellare, o in alternativa se Discrezionale vadano indicate le frequenze incrementate dall'offerente. 7- si chiede come vada interpretato l'indicazione relativa ai criteri Tabellari A1.2 e A1.4 dove viene richiesto di indicare rispettivamente oltre la presenza del Supervisore/coordinatore anche la formazione professionale e fasce di reperibilità (criterio A1.2) ed infine di indicare la presenza di un ispettore alla qualità specificandone la formazione professionale (criterio A1.4). Cordiali saluti

Risposta:

Buongiorno, in relazione alla procedura di cui trattasi, si chiede di ricevere i seguenti chiarimenti in riferimento al Progetto Tecnico e suoi allegati:

1- si chiede se eventuale copertina e indice sono esclusi dal numero massimo delle 20 facciate statuito.

Si conferma che la copertina e l’indice sono esclusi da computo delle 20 facciate.

2- si chiede se tale relazione vada suddivisa in tre distinti pdf o in alternativa si possa riunire in un unico pdf di complessive 20 facciate.

Si conferma tale possibilità.

3- si chiede se l'eventuale documentazione allegata vada inserita in una cartella compressa e inserita in uno specifico campo dello step di caricamento della busta B - Offerta Tecnica.

Si conferma.

4- si chiede se, con riferimento alle Faq 19 e Faq.25, al fine di evitare un arbitrario utilizzo della dimensione del font utilizzato per le tabelle o un ricorso eccessivo all'uso delle stesse nella relazione tecnica da parte degli operatori economici partecipanti alla procedura, possa essere fissato una dimensione minima del font anche per il font utilizzato nelle eventuali tabelle in ottemperanza al principio della par condicio competitorum.

Così come confermato alle Faq 19 e 25, ovvero non è previsto un utilizzo specifico della dimensione del carattere per le tabelle, ma lo stesso deve risultare chiaro e leggibile, ragion per cui si potrà prevedere anche una dimensione 10, ma non dimensioni inferiori, in quanto le stesse potrebbero risultare di non facile consultazione per la commissione di gara e, come tali, difficilmente valutabili.

5- si chiede se il criterio A.2.7, così come chiarito per il similare criterio A2.6, vada considerato come un criterio Tabellare.

Si veda la modifica alla documentazione apportata con rettifica al Disciplinare di gara.

6- si chiede se il criterio A.2.8 vada considerato come criterio Tabellare, o in alternativa se Discrezionale vadano indicate le frequenze incrementate dall'offerente.

Il sub-criterio rimane discrezionale, per cui vanno indicate le modalità dell’eventuale incremento della frequenza di esecuzione delle attività durante le manifestazioni.

7- si chiede come vada interpretato l'indicazione relativa ai criteri Tabellari A1.2 e A1.4 dove viene richiesto di indicare rispettivamente oltre la presenza del Supervisore/coordinatore anche la formazione professionale e fasce di reperibilità (criterio A1.2) ed infine di indicare la presenza di un ispettore alla qualità specificandone la formazione professionale (criterio A1.4).

I punteggi massimi previsti per i criteri di valutazione A.1.2 e A.1.4 verranno assegnati in base alla presenza o meno, nell’offerta, dei soggetti indicati; la Commissione prenderà in considerazione la presenza o meno di tali soggetti proprio in base all’indicazione della formazione professionale.

Chiarimento n. 33

Domanda:

Spettabile Ente, in relazione ala Domanda di partecipazione di cui all'articolo 13.1 del Disciplinare di gara si chiede di specificare se , in caso di partecipazione nella forma del Costituendo RTI, la stessa debba essere presentata da entrambi i componenti del costituendo RTI o se invece è sufficiente che la stessa sia presentata dalla sola capogruppo (con indicati i dati identificativi della mandante) e sottoscritta digitalmente da entrambi i componenti il costituendo R.T.I. Si ringrazia

Risposta:

Così come previsto anche all’art. 13.1 del Disciplinare di gara, la domanda di partecipazione può essere presentata dalla sola mandataria/capogruppo, con indicazione degli estremi della/e mandante/i e sottoscritta da tutti i soggetti che costituiranno il raggruppamento/consorzio.

Chiarimento n. 34

Domanda:

Buonasera, siamo a richiedere cortesemente i seguenti chiarimenti: 1. Chiediamo cortesemente l’elenco del personale che attualmente svolge i servizi di pulizia con indicazione del numero, dell’inquadramento e delle ore contrattuali per ciascun addetto al fine di ottemperare quanto previsto dall’art. 17.2 “Clausola sociale” del disciplinare di gara. 2. In merito al progetto tecnico, elementi quali copertina e indice, possono considerarsi escluse dal conteggio delle 20 facciate previste nel disciplinare? 3. In merito al progetto tecnico al sub-elemento A.2.4 viene richiesto di illustrare i macchinari utilizzati con la loro capacità operativa e rumorosità e nel sub-elemento C.1.1 viene richiesto l’elencazione dei macchinari e delle apparecchiature elettroniche (tipologia, marca e modelli, potenza kw e rumorosità). I sub-elementi risultano contrastanti in quanto parzialmente chiedono la medesima informazione, come ad esempio l’indicazione dei macchinari, che prevedono già marca e modello e il livello di rumorosità. Al fine di poter esporre chiaramente gli elementi di valutazione e una miglior offerta tecnica, siamo a chiedere di analizzare più specificatamente la suddivisione dei due sub-elementi, al fine di non dover duplicare le informazioni e ottimizzare gli spazi all’interno del progetto. 4. In merito alla richiesta per l’effettuazione del sopralluogo obbligatorio con la presente siamo a sollecitare una risposta a codesta Spettabile Stazione Appaltante affinché si possa effettuare nei tempi previsti dal disciplinare. Inoltre vi indichiamo che in data 05/01/2021 abbiamo trasmesso la richiesta di sopralluogo anche a mezzo pec. 5. Chiediamo a codesta Spettabile Stazione Appaltante una congrua proroga della data di presentazione delle offerte, al fine di poter effettuare i sopralluoghi obbligatori e di conseguenza redigere la migliore offerta tecnico/economica. In attesa di un gentile riscontro si inviano distinti saluti.

Risposta:

Si riportano le risposte ai quesiti posti:

1. Chiediamo cortesemente l’elenco del personale che attualmente svolge i servizi di pulizia con indicazione del numero, dell’inquadramento e delle ore contrattuali per ciascun addetto al fine di ottemperare quanto previsto dall’art. 17.2 “Clausola sociale” del disciplinare di gara.

Nella sezione documenti è stato inserito il documenti esaustivo..

2. In merito al progetto tecnico, elementi quali copertina e indice, possono considerarsi escluse dal conteggio delle 20 facciate previste nel disciplinare? Vedasi Faq 61.1

3. In merito al progetto tecnico al sub-elemento A.2.4 viene richiesto di illustrare i macchinari utilizzati con la loro capacità operativa e rumorosità e nel sub-elemento C.1.1 viene richiesto l’elencazione dei macchinari e delle apparecchiature elettroniche (tipologia, marca e modelli, potenza kw e rumorosità). I sub-elementi risultano contrastanti in quanto parzialmente chiedono la medesima informazione, come ad esempio l’indicazione dei macchinari, che prevedono già marca e modello e il livello di rumorosità. Al fine di poter esporre chiaramente gli elementi di valutazione e una miglior offerta tecnica, siamo a chiedere di analizzare più specificatamente la suddivisione dei due sub-elementi, al fine di non dover duplicare le informazioni e ottimizzare gli spazi all’interno del progetto.

Si veda la modifica alla documentazione apportata con rettifica al Disciplinare di gara; in particolar modo il sub-criterio C.1.1. è stato trasfuso nel sub-criterio A.2.4.

4. In merito alla richiesta per l’effettuazione del sopralluogo obbligatorio con la presente siamo a sollecitare una risposta a codesta Spettabile Stazione Appaltante affinché si possa effettuare nei tempi previsti dal disciplinare. Inoltre vi indichiamo che in data 05/01/2021 abbiamo trasmesso la richiesta di sopralluogo anche a mezzo pec.

La nostra Direzione Tecnica procederà ad organizzare e dare informazione a quanto richiesto.

5. Chiediamo a codesta Spettabile Stazione Appaltante una congrua proroga della data di presentazione delle offerte, al fine di poter effettuare i sopralluoghi obbligatori e di conseguenza redigere la migliore offerta tecnico/economica. In attesa di un gentile riscontro si inviano distinti saluti.

A seguito di diverse richieste è stato pubblicato nella sezione documenti l'avviso di proroga dei termini.

Chiarimento n. 35

Domanda:

Buongiorno, con la presente si segnala l'impossibilità di caricare i documenti a comprova dei requisiti sul portale dell'Anticorruzione, chiediamo la possibilità di caricarli sul Vs. portale già in sede di presentazione delle offerte o se saranno richiesti nella fase successiva di verifica dei requisiti stessi. Restiamo in attesa di un sollecito riscontro.

Risposta:

Al momento non è necessario presentare alcuna documentazione a comprova dei requisiti richiesti nel Bando e nel Disciplinare di gara; infatti, i concorrenti non sono stati abilitati ad associare alcun documento nella presentazione del PASSOE. Ragion per cui non sarebbe necessario inserire i documenti nell’offerta. I requisiti, al momento, devono essere soltanto auto-dichiarati e gli stesi documenti – a comprova dei requisiti – verranno chiesti soltanto sull’aggiudicatario, tramite il portale del sistema AVCPass.

Chiarimento n. 36

Domanda:

Buongiorno, in riferimento al requisito di cui la punto 6.3 E.2 del disciplinare si chiede cortesemente di confermare che sia sufficiente auto certificare di aver impiegato un numero medio annuo di operatori addetti ai servizi oggetto di gara non inferiore a 40 unita nel triennio 2018 2019 2020. si ringrazia

Risposta:

Si conferma che, in questa fase, il possesso dei requisiti di partecipazione richiesti nel Bando e nel Disciplinare di gara, devono essere soltanto indicati nelle dichiarazioni sostitutive (DGUE).

Chiarimento n. 37

Domanda:

SI CHIEDE SE IN CASO DI PARTECIPAZIONE DI UN CONSORZIO di cui all’art. 45, comma 2, lett. c) del Codice IL REQUISITO DELLA FASCIA DI CLASSIFICAZIONE DELLE IMPRESE DI PULIZIE SIIA SODDISFATTO SE POSSEDUTO DALLA SOLA CONSORZIATA INDICATA ESECUTRICE

Risposta:

Fermo restando che la Stazione Appaltante non possa indicare le modalità di partecipazione alle procedure di gara disciplinate dal codice dei contratti, si rinvia a quanto previsto dall’art. 47 del D. Lgs. n. 50/2016 ed in particolar modo, nel comma 2-bis del medesimo articolo.

Chiarimento n. 38

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, si chiede conferma che le ore stimate dall’Ente per il servizio (Anno 2021: 54.948 ore; Anno 2022: 55.698) siano da intendersi come ore “lavorate”. Analogamente si chiede conferma che il monte ore biennale da indicare in Offerta Tecnica al criterio A.2.3 sia da intendersi come “ore lavorate”. Distinti saluti

Risposta:

Si conferma che le ore stimate sono intendersi come lavorate.

Chiarimento n. 39

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, con la presente siamo a formulare i seguenti chiarimenti: 1) Si chiede un’ulteriore precisazione circa il numero di spettacoli indicati all’art.5, sempre tenendo presente che tale numero è approssimativo in ragione della situazione sanitaria in atto. Quando per l’anno 2021 ad esempio indicate che sono previsti 180 spettacoli (comprensivi di prove generali e anti generali, ecc), è corretto, anche alla luce della FAQ 26, interpretare che dei 180 eventi totali, 60 siano gli spettacoli veri e propri (di cui l’80% in orario serale), 60 siano le prove generali (in orario ordinario) e 60 siano le prove antigenerali (in orario ordinario)? 2) Relativamente alla Sala Prove Albanella, l’art. 8.6 del Capitolato prevede che sia attuato un presidio di pulizia ogni qualvolta sia programmata un’attività, con durata fino al termine delle varie attività programmate. L’art. 5 indica il numero di prove ed eventi presso il sito Albanella: indicativamente che durata dobbiamo stimare per ogni prova/evento? Distinti saluti

Risposta:

Risposta punto 1)

No, la maggior parte degli spettacoli è costituita dalle recite serali aperte al pubblico. Le prove generali aperte potrebbero essere presumibilmente non più di 20; le antegenerali o prove riepilogative aperte al pubblico potrebbero essere circa 10. Si tratta pur sempre di stime indicative che non possono costituire elemento di certezza anche alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica e della conseguente possibilità di riaprire il Teatro al pubblico, aspetti che inevitabilmente influenzeranno la programmazione artistica della stagione. In ogni caso il servizio di pulizie da prevedere sia per le recite vere e proprie che per le prove generali o comunque prove aperte al pubblico è sempre il medesimo. La distinzione fra recita o prova aperta non è significativa ai fini della programmazione delle attività del servizio di pulizie, in quanto anche le prove generali o comunque altre prove aperte al pubblico devono intendersi spettacoli a tutti gli effetti, dal momento che prevedono la presenza del pubblico in sala. L’unica distinzione significativa riguarda l’orario di programmazione di queste recite o prove, in quanto se programmate fuori dal presidio 8:00-18:00 specificato dal capitolato, va previsto il presidio serale fino alla fine dello spettacolo.

Risposta punto 2):

E’ cautelativamente corretto stimare 8 ore giornaliere; l’attività varia comunque a seconda della programmazione delle prove da parte della Direzione di Produzione.

Chiarimento n. 40

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, in relazione al criterio quantitativo B.1.4 “Numero di ispezioni/controlli a campione”, al fine di rendere “confrontabili” le proposte presentate dai concorrenti, sarebbe opportuno avere una definizione di massima di cosa si aspetti l’Ente per una ispezione a campione. Ad esempio, per un’ispezione a campione si intende un controllo su tutti (o comunque i principali) siti dell’appalto che riguardi svariate aree omogenee? Oppure, per un’ispezione a campione si può intendere il singolo controllo su un singolo locale di una singola sede? Le due interpretazioni portano a indicare due Numeri di ispezioni completamente diverse, andando a disequilibrare in mono iniquo le valutazioni tecniche. Distinti saluti.

Risposta:

Il senso del controllo a campione è la verifica della qualità del servizio in generale. E’ ragionevole considerare però che i controlli a campione non debbano essere eseguiti in modo generico nella stessa occasione per tutte le sedi, ma che si rendano necessari controlli “tematici” più mirati e quindi più efficaci per argomento omogeneo (es: gli spogliatoi, le sale prova, la sala teatrale e l’area monumentale, i laboratori ex-Ansaldo ecc.).

Chiarimento n. 41

Domanda:

Buongiorno, di seguito si inoltrano i seguenti quesiti: 1. A pagina 1 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 3, viene indicato che “L’affidamento dell’appalto avrà una durata di anni 2 (tre). Al riguardo si chiede conferma trattasi di un refuso 2. Con riferimento a quanto indicato a pagina 2 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 5, ove si stabilisce che i servizi richiesti vanno resi “in coerenza con i programmi e le cadenze dell’attività del Teatro”. Si richiede un Calendario delle Attività previste per il 2021. 3. Con riferimento all’ordine delle prove mensili e giornaliere, citati in più punti del Capitolato Speciale d’Appalto (tra cui a pagina 2, punto 5), SI richiede con quanto anticipo tali “ordini” possono essere condivisi con l’appaltatore. 4. A pagina 2 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 5, e più precisamente nell’elenco quantitativo delle attività previste, si specifica che, per l’Anno 2021, si prevede, per “spettacoli, prove ed eventi presso il Teatro alla Scala a) Eventi/incontri con il pubblico presso il Ridotto Toscanini n° 2 b) Spettacoli (comprensivi di prove generali anti generali ecc.) n° 180 di cui c) Giornate con doppio spettacolo n° 15 Si chiede dunque conferma che, per l’Anno 2021, si prevede un totale di 150 giornate di spettacoli “singoli” (comprensivi di prove generali anti generali ecc.) e di 15 giornate con spettacoli doppi. 5. Con riferimento alle giornate “con doppio spettacolo” si chiede di specificare quanto tempo in genere intercorra tra uno spettacolo e l’altro. 6. A pagina 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 5.1, si afferma che “Il personale di Presidio indicato nel seguito non si intende comprensivo della presenza del Responsabile del Servizio che dovrà essere sempre garantita durante l’orario normale di lavoro”. A tal riguardo si chiede conferma che: i. Per orario normale di lavoro debba intendersi dal lunedì alla domenica dalle ore 08:00 alle ore 18:00; ii. Che il responsabile (o i responsabili) possa (possano) essere parte della squadra di presidio purché in numero aggiuntivo rispetto a quanto richiesto (ad esempio, nel caso del Teatro alla Scala, ci possa essere una squadra composta da 6 operatori di cui 1 responsabile). iii. Che il Responsabile possa essere “unico” per tutte le Sedi, e che non sia pertanto richiesta della Fondazione che ci debba essere un Responsabile per il Teatro, un Responsabile per i Laboratori Ex-Ansaldo e un Responsabile per i Magazzini in Via Daimler, ognuno dei quali “presenti fisicamente” presso le rispettive strutture. iv. Che le domeniche lavorative per i Laboratori Ex-Ansaldo (stima 25% delle domeniche annuali) e per i Magazzini Scene in Via Daimler (stima 20% delle domeniche annuali) non sia considerate come “normale orario di lavoro” e pertanto non richiedano la presenza del Responsabile presso la Sede. 7. A pagina 5 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 5.1 sezione a) Teatro alla Scala – Via Filodrammatici, 2, con riferimento della presenza al di fuori dell’orario di lavoro ordinario, è indicato che: “Sulla base delle indicazioni contenute nel programma quindicinale e nei relativi Ordini delle Prove giornalieri…” Al riguardo: i. si chiede conferma che con “programma quindicinale” ci si riferisca ad un programma definito dalla Fondazione, in quanto, a pagina 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, viene indicato che “Sarà obbligo dell’Appaltatore […] sottoporre mensilmente alla Direzione Tecnica il programma di manutenzione e pulizia del Teatro e del Museo e dei corpi illuminanti”. ii. Nel caso in cui tale programma quindicinale venga redatto dalla Fondazione, si chiede conferma che tale programma possa essere condiviso con l’Appaltatore con un anticipo tale da permettere a quest’ultimo di poter redigere il proprio Programma mensile di manutenzione e pulizia del Teatro e del Museo e dei corpi illuminanti, sulla base delle indicazioni ivi contenute. 8. Con riferimento a quanto indicato a pagina 11 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 8.6, ove è specificato che “Per quanto riguarda questa sede si dovrà provvedere all’esecuzione del servizio ogni qualvolta vi sia programmata attività, […] con un presidio sino al termine delle varie attività in programma.” Si chiede conferma che, pertanto, si richieda per questa sede un’attività di presidio. 9. A pagina 19 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 10, viene indicato che “l’impresa dovrà garantire un servizio di emergenza”. Si chiede conferma che per “servizio di emergenza” si intende l’erogazione delle attività come disciplinate dalla Documentazione di Gara, ma con modifiche in termini di quantità e di orari sulla base delle esigenze contingenti. 10. A pagina 20 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 11, è indicato che “L’impresa dovrà sottoporre l’elenco ed i campioni di tutti i materiali, accompagnati dalle relative scede tecniche e schede di sicurezza dei singoli prodotti, alla Direzione Tecnica della Fondazione per la relativa approvazione”. Al riguardo si chiede conferma che tale operazione sarà condotta a seguito dell’Aggiudicazione. 11. Al fine di poter formulare un’Offerta coerente con le esigenze della Fondazione si chiede di poter prendere visione del Calendario delle Attività, del Programma quindicinale e dell’Ordine delle prove giornaliere riferiti all’anno 2019 ivi comprese le prove condotte presso la Sala prove Abanella di Via bottelli, 11. Cordiali saluti

Risposta:

Buongiorno, di seguito si inoltrano i seguenti quesiti:

1. A pagina 1 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 3, viene indicato che “L’affidamento dell’appalto avrà una durata di anni 2 (tre). Al riguardo si chiede conferma trattasi di un refuso

Risposta:Trattasi di un refuso, la durata è di due anni con eventuale ulteriore terzo, come peraltro chiaramente indicato nel bando di gara.

2. Con riferimento a quanto indicato a pagina 2 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 5, ove si stabilisce che i servizi richiesti vanno resi “in coerenza con i programmi e le cadenze dell’attività del Teatro”. Si richiede un Calendario delle Attività previste per il 2021.

Risposta: Il calendario della stagione 2021 non è ancora disponibile in quanto dovrà essere elaborato alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica e della conseguente possibilità di riaprire il Teatro al pubblico, aspetti che inevitabilmente influenzeranno la programmazione artistica della stagione, come già specificato nel Capitolato.

3. Con riferimento all’ordine delle prove mensili e giornaliere, citati in più punti del Capitolato Speciale d’Appalto (tra cui a pagina 2, punto 5), SI richiede con quanto anticipo tali “ordini” possono essere condivisi con l’appaltatore.

Risposta: Tenendo necessariamente in considerazione quanto espresso al punto precedente, in situazione di normale svolgimento della stagione d’opera e balletto la programmazione mensile è usualmente pubblicata entro il giorno 20 del mese precedente. La programmazione giornaliera definitiva è di norma pubblicata entro le ore 13 del giorno precedente.

4. A pagina 2 del Capitolato Speciale d’Appalto, Sezione 5, e più precisamente nell’elenco quantitativo delle attività previste, si specifica che, per l’Anno 2021, si prevede, per “spettacoli, prove ed eventi presso il Teatro alla Scala a) Eventi/incontri con il pubblico presso il Ridotto Toscanini n° 2 b) Spettacoli (comprensivi di prove generali anti generali ecc.) n° 180 di cui c) Giornate con doppio spettacolo n° 15 Si chiede dunque conferma che, per l’Anno 2021, si prevede un totale di 150 giornate di spettacoli “singoli” (comprensivi di prove generali anti generali ecc.) e di 15 giornate con spettacoli doppi. Risposta: Sì, il calcolo è corretto, sempre tenendo in considerazione quanto specificato al punto 2).

5. Con riferimento alle giornate “con doppio spettacolo” si chiede di specificare quanto tempo in genere intercorra tra uno spettacolo e l’altro.

Risposta: n genere almeno 2 ore. Va tenuto però in considerazione che potrebbero esserci casi particolari di eventi o manifestazioni programmati con orari diversi, che costituiscono però casi rari.

6. A pagina 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 5.1, si afferma che “Il personale di Presidio indicato nel seguito non si intende comprensivo della presenza del Responsabile del Servizio che dovrà essere sempre garantita durante l’orario normale di lavoro”. A tal riguardo si chiede conferma che:

i. Per orario normale di lavoro debba intendersi dal lunedì alla domenica dalle ore 08:00 alle ore 18:00;

Risposta: No, il responsabile del servizio, da intendersi quale “site manager”, è presente in orario di ufficio dal lunedì al venerdì, e in tutte le altre occasioni fuori da questo orario in cui sia ritenuta fondamentale o opportuna la sua presenza (es.: spettacoli, eventi, manifestazioni di particolare rilevanza o delicatezza).

ii. Che il responsabile (o i responsabili) possa (possano) essere parte della squadra di presidio purché in numero aggiuntivo rispetto a quanto richiesto (ad esempio, nel caso del Teatro alla Scala, ci possa essere una squadra composta da 6 operatori di cui 1 responsabile).

Risposta: No, il responsabile del servizio è da intendersi quale “site manager”, riferimento organizzativo (non operativo) fra l’azienda appaltatrice e la Fondazione, figura diversa dal supervisore/coordinatore per l’area monumentale (come da tabella dei criteri di valutazione dell’offerta tecnica facente parte del disciplinare di gara, punto A.1.2). Il site manager è presente dal lunedì al venerdì in orario di ufficio, e in tutte le altre occasioni fuori da questo orario in cui sia ritenuta fondamentale o opportuna la sua presenza (es.: spettacoli, eventi, manifestazioni di particolare rilevanza o delicatezza). Il supervisore/coordinatore (anche definibile “capo squadra” o “capo cantiere”) può far parte del presidio ed è comunque il riferimento organizzativo fra l’azienda appaltatrice e la Fondazione.

iii. Che il Responsabile possa essere “unico” per tutte le Sedi, e che non sia pertanto richiesta della Fondazione che ci debba essere un Responsabile per il Teatro, un Responsabile per i Laboratori Ex-Ansaldo e un Responsabile per i Magazzini in Via Daimler, ognuno dei quali “presenti fisicamente” presso le rispettive strutture.

Risposta: Sì, il responsabile del servizio (site manager) è unico per tutte le sedi. Il coordinatore/supervisore (capo squadra) è presente solo per la sede del Teatro di Via Filodrammatici 2. iv. Che le domeniche lavorative per i Laboratori Ex-Ansaldo (stima 25% delle domeniche annuali) e per i Magazzini Scene in Via Daimler (stima 20% delle domeniche annuali) non sia considerate come “normale orario di lavoro” e pertanto non richiedano la presenza del Responsabile presso la Sede. Risposta: Vale quanto detto al punto ii., ovvero che il responsabile del servizio è normalmente presente in orario d’ufficio, ma deve essere opportunamente presente anche in casi di particolare rilevanza dell’attività, quindi non necessariamente in tutte le date domenicali in cui sia prevista attività.

7. A pagina 5 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 5.1 sezione a) Teatro alla Scala – Via Filodrammatici, 2, con riferimento della presenza al di fuori dell’orario di lavoro ordinario, è indicato che: “Sulla base delle indicazioni contenute nel programma quindicinale e nei relativi Ordini delle Prove giornalieri…” Al riguardo: i. si chiede conferma che con “programma quindicinale” ci si riferisca ad un programma definito dalla Fondazione, in quanto, a pagina 4 del Capitolato Speciale d’Appalto, viene indicato che “Sarà obbligo dell’Appaltatore […] sottoporre mensilmente alla Direzione Tecnica il programma di manutenzione e pulizia del Teatro e del Museo e dei corpi illuminanti”.

Risposta: Il programma quindicinale/mensile delle attività del Teatro viene comunicato dalla Fondazione all’azienda appaltatrice con le scadenze indicate alla risposta alla precedente domanda 2). Cosa diversa è invece il programma che, al contrario, l’azienda appaltatrice deve fornire alla Direzione Tecnica della Fondazione in merito alle attività che lo richiedano (fra cui la pulizia e manutenzione dei lampadari artistici, o le pulizie cosiddette “intensive” estive e prima del 7 Dicembre), in modo da permettere alla Fondazione gli opportuni controlli per tempo. ii. Nel caso in cui tale programma quindicinale venga redatto dalla Fondazione, si chiede conferma che tale programma possa essere condiviso con l’Appaltatore con un anticipo tale da permettere a quest’ultimo di poter redigere il proprio Programma mensile di manutenzione e pulizia del Teatro e del Museo e dei corpi illuminanti, sulla base delle indicazioni ivi contenute. Risposta: I tempi di pubblicazione del programma mensile sono indicati alla risposta alla precedente domanda 2).

8. Con riferimento a quanto indicato a pagina 11 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 8.6, ove è specificato che “Per quanto riguarda questa sede si dovrà provvedere all’esecuzione del servizio ogni qualvolta vi sia programmata attività, […] con un presidio sino al termine delle varie attività in programma.” Si chiede conferma che, pertanto, si richieda per questa sede un’attività di presidio.

Risposta: È richiesta la presenza degli operatori presso tale sede solo quando vi è programmata attività. La sede dovrà essere fatta trovare in scrupoloso stato di pulizia prima dell’arrivo degli utilizzatori.

9. A pagina 19 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 10, viene indicato che “l’impresa dovrà garantire un servizio di emergenza”. Si chiede conferma che per “servizio di emergenza” si intende l’erogazione delle attività come disciplinate dalla Documentazione di Gara, ma con modifiche in termini di quantità e di orari sulla base delle esigenze contingenti.

Risposta: Sì, le attività prevedibili sono le stesse indicate nel capitolato e suoi allegati, se necessario con diversi orari o cadenze.

10. A pagina 20 del Capitolato Speciale d’Appalto, punto 11, è indicato che “L’impresa dovrà sottoporre l’elenco ed i campioni di tutti i materiali, accompagnati dalle relative scede tecniche e schede di sicurezza dei singoli prodotti, alla Direzione Tecnica della Fondazione per la relativa approvazione”. Al riguardo si chiede conferma che tale operazione sarà condotta a seguito dell’Aggiudicazione.

Risposta: Sì, tale operazione verrà eseguita a seguito di aggiudicazione.

11. Al fine di poter formulare un’Offerta coerente con le esigenze della Fondazione si chiede di poter prendere visione del Calendario delle Attività, del Programma quindicinale e dell’Ordine delle prove giornaliere riferiti all’anno 2019 ivi comprese le prove condotte presso la Sala prove Abanella di Via bottelli,

Risposta: La programmazione annuale del 2019 non è significativa ai fini della stima delle attività da eseguirsi negli anni 2021 e 2022, in quanto nel 2019 (prima dell’emergenza sanitaria Covid-19) è stato effettuato un numero di spettacoli che è stato circa il doppio rispetto a quelli stimabili per il 2021. Ne consegue che anche tutta l’attività a corollario (attività presso i laboratori, i depositi ecc.) e la presenza in Teatro di masse artistiche e tecniche non siano paragonabili.

Chiarimento n. 42

Domanda:

1) Sulla base di quanto indicato dal Disciplinare di Gara, pagina 26 (Punto 14) siamo qui a chiedere conferma che:  Elenco macchinari;  Elenco prodotti;  Elenco CV;  Schede tecniche legate ai Software in uso Non rientrino all’interno del computo delle venti (20) facciate A4. 2) A pagina 27 del Disciplinare di Gara, la descrizione del criterio di valutazione dell’Offerta tecnica A.2.7) richiede che a tale sezione sia deputata “l’indicazione dell’eventuale disponibilità, in caso di particolari esigenze, a modificare l’orario di esecuzione del servizio in funzione dell’andamento delle attività lavorative. Sulla base della similitudine di quanto richiesto per la sezione A.2.6) e sulla base dei chiarimenti pubblicati (FAQ n.16), siamo qui a chiedere conferma che tale criterio risulti essere un criterio Tabellare. 3) A pagina 27 del Disciplinare di Gara, la descrizione del criterio di valutazione dell’Offerta tecnica A.2.8) richiede che a tale sezione sia deputata “l’indicazione dell’eventuale incremento della frequenza delle esecuzione delle attività”. Siamo dunque a chiedere conferma si tratti di un criterio Quantitativo. 4) A pagina 12 del Capitolato Speciale d’Appalto, al punto 8.6 Sala Prove Abanella di Bottelli, n. 11 è indicato che “Nel caso di assenza di attività in palcoscenico dovrà essere comunque eseguito un servizio di mantenimento dei locali ubicati nella sala prove (ingresso, portineria, uffici, camerini, spogliatoi, infermeria, servizi igienici, corridoi e marciapiedpertinenza) e qualsiasi altra superficie costituente l'edifico di via Bottelli non menzionata soggetta ad utilizzo. Analogamente, a pagina 14 al 9.1 Servizi con cadenza quotidiana – (punto 28) è indicato che in caso di inattività dell’orchestra dovrà essere comunque eseguito un servizio di mantenimento; Si richiede dunque di specificare con maggiore dettaglio il significato di “mantenimento” e con quale frequenza tale azione vada condotta. 5) Con riferimento a quanto indicato a pagina 12 del Capitolato Speciale d’Appalto, al punto 8.6 Sala Prove Abanella di via Bottelli, n. 11: “Per quanto riguarda questa sede si dovrà provvedere all'esecuzione del servizio ogni qualvolta vi sia programmata attività, secondo direttive impartite dalla competente Direzione di Produzione tramite il Responsabile in loco, con un presidio sino al termine delle varie attività in programma”; Siamo a chiedere conferma che il servizio avrà ad oggetto una prevalente attività di presidio riferita agli eventi previsti per questa sede, così come stimati dalla Documentazione di Gara e vale a dire 40 eventi per il 2021 e 80 eventi per il 2022 (pagina 3 del Capitolato Speciale d’Appalto), a cui dovrà essere associato un servizio di pulizia mantenimento, sulla cui frequenza è già stata formulata altra FAQ.

Risposta:

Si riportano le risposte ai quesiti posti:

1) Sulla base di quanto indicato dal Disciplinare di Gara, pagina 26 (Punto 14) siamo qui a chiedere conferma che:  Elenco macchinari;  Elenco prodotti;  Elenco CV;  Schede tecniche legate ai Software in uso Non rientrino all’interno del computo delle venti (20) facciate A4.

Risposta: Si conferma quanto indicato innanzi; gli elenchi e gli allegati non vengono computati nella Relazione tecnica.

2) A pagina 27 del Disciplinare di Gara, la descrizione del criterio di valutazione dell’Offerta tecnica A.2.7) richiede che a tale sezione sia deputata “l’indicazione dell’eventuale disponibilità, in caso di particolari esigenze, a modificare l’orario di esecuzione del servizio in funzione dell’andamento delle attività lavorative. Sulla base della similitudine di quanto richiesto per la sezione A.2.6) e sulla base dei chiarimenti pubblicati (FAQ n.16), siamo qui a chiedere conferma che tale criterio risulti essere un criterio Tabellare.

Risposta: Vedasi nuova tabella criteri di valutazione pubblicata a seguito di rettifica.

3) A pagina 27 del Disciplinare di Gara, la descrizione del criterio di valutazione dell’Offerta tecnica A.2.8) richiede che a tale sezione sia deputata “l’indicazione dell’eventuale incremento della frequenza delle esecuzione delle attività”. Siamo dunque a chiedere conferma si tratti di un criterio Quantitativo.

Risposta: Vedasi nuova tabella criteri di valutazione pubblicata a seguito di rettifica.

4) A pagina 12 del Capitolato Speciale d’Appalto, al punto 8.6 Sala Prove Abanella di Bottelli, n. 11 è indicato che “Nel caso di assenza di attività in palcoscenico dovrà essere comunque eseguito un servizio di mantenimento dei locali ubicati nella sala prove (ingresso, portineria, uffici, camerini, spogliatoi, infermeria, servizi igienici, corridoi e marciapiedpertinenza) e qualsiasi altra superficie costituente l'edifico di via Bottelli non menzionata soggetta ad utilizzo. Analogamente, a pagina 14 al 9.1 Servizi con cadenza quotidiana – (punto 28) è indicato che in caso di inattività dell’orchestra dovrà essere comunque eseguito un servizio di mantenimento; Si richiede dunque di specificare con maggiore dettaglio il significato di “mantenimento” e con quale frequenza tale azione vada condotta.

Risposta: L’organizzazione del servizio di mantenimento è gestibile dall’appaltatore in base alle proprie capacità organizzative e tecniche. L’obbiettivo è sempre quello di fare comunque trovare gli spazi in scrupoloso stato di pulizia ogni qual volta sia prevista qualunque attività presso la sala prove. Il servizio di mantenimento è opportuno in quanto evita di dover intervenire in maniera intensiva alla ripresa delle attività dopo un eventuale pausa di lunga durata.

5) Con riferimento a quanto indicato a pagina 12 del Capitolato Speciale d’Appalto, al punto 8.6 Sala Prove Abanella di via Bottelli, n. 11: “Per quanto riguarda questa sede si dovrà provvedere all'esecuzione del servizio ogni qualvolta vi sia programmata attività, secondo direttive impartite dalla competente Direzione di Produzione tramite il Responsabile in loco, con un presidio sino al termine delle varie attività in programma”; Siamo a chiedere conferma che il servizio avrà ad oggetto una prevalente attività di presidio riferita agli eventi previsti per questa sede, così come stimati dalla Documentazione di Gara e vale a dire 40 eventi per il 2021 e 80 eventi per il 2022 (pagina 3 del Capitolato Speciale d’Appalto), a cui dovrà essere associato un servizio di pulizia mantenimento, sulla cui frequenza è già stata formulata altra FAQ.

Risposta: Come già specificato, l’obbiettivo è sempre quello di fare trovare gli spazi in scrupoloso stato di pulizia ogni qual volta sia prevista qualunque attività presso la sala prove. Il presidio durante le attività è anche necessario qualora si verificassero urgenze o necessità impreviste di intervento dovute alla presenza di utilizzatori della sala.

Chiarimento n. 43

Domanda:

Buongiorno, con la presente, si chiede se le polizze fideiussorie già emesse con data 15/01/2021, se possono essere ritenute valide anche dopo la proroga della scadenza al 29/01/2021. Distinti Saluti La Modernissima.

Risposta:

In merito al quesito posto, si fa presente che le polizze fideiussorie devono essere conformi agli schemi tipo approvati con d.m. 18/01/2018, n. 31, al cui art. 3 è previsto che la garanzia decorra dalla data di presentazione dell’offerta e abbia validità di 180 giorni a partire dalla data di presentazione dell'offerta. Premesso quanto innanzi, in considerazione dell'applicabilità dell'art. 2, comma 1 del D. L. n. 76/2020 (conv. in Legge 120/2020) all'appalto in corso - a mente del quale "l’individuazione definitiva del contraente avviene entro il termine di sei mesi dalla data di adozione dell’atto di avvio del procedimento" - saranno ritenute valide le polizze fideiussorie già emesse con data di riferimento 15/01/2021, anche in presenza della proroga del termine di ricezione delle offerte.

Chiarimento n. 44

Domanda:

In relazione al criterio tecnico A.2.8 “Incremento della frequenza di esecuzione delle attività durante manifestazioni”, al fine di calibrare al meglio l’offerta, potreste chiarie cosa intendete per “manifestazioni” (che immaginiamo evento diverso dagli spettacoli) e in linea di massima quanti giorni dura mediamente una manifestazione? Distinti saluti

Risposta:

Per manifestazione si intende in questo caso qualunque attività che comporti la presenza di pubblico, sia presso il Teatro che, quando richiesto, presso le altre sedi esterne (nella maggior parte dei casi il salone polivalente “Visconti” al Padiglione 36 area Ex-Ansaldo). Il criterio ha lo scopo di valutare un miglioramento del servizio in presenza del pubblico.

Chiarimento n. 45

Domanda:

Spett. Stazione Appaltante, alla luce della FAQ 41.6 pubblicata oggi, si chiede una precisazione circa il Supervisore/Coordinatore, figura opzionale da offrire o meno al criterio tecnico A.1.2. Dal tenore della Vostra risposta parrebbe che tale figura sia assimilabile al Referente specifico per la zona “settore monumentale” di cui all’art. 14 del Capitolato. Chiediamo delucidazioni in merito, in quanto secondo il criterio tecnico A.1.2 e dalla precedente FAQ n. 20, il Supervisore/Coordinatore è figura “eventuale”, mentre l’art. 14 chiede l’obbligatorietà di un referente per l’area monumentale. Inoltre si chiede se il Supervisore sia figura operativa o mista (gestionale/operativa). Distinti saluti

Risposta:

Il Supervisore/Coordinatore può coincidere con il referente per l’area monumentale, nelle modalità di seguito descritte. L’obbligatorietà di nominare un referente per l’area monumentale (fatta comunque salva la presenza del responsabile del servizio, anche definito “site manager”, che ha la responsabilità su tutte le sedi) rimane in ogni caso, trattandosi di figura operativa che possa essere il riferimento diretto della Fondazione per questioni immediatamente operative. Lo stesso referente per l’area monumentale può però divenire anche supervisore/coordinatore, qualora assuma oltre ad un ruolo operativo anche un ruolo di coordinamento delle attività specifiche dell’area monumentale (area comprensibilmente delicata e caratterizzata da esigenze particolari), in supporto e in affiancamento all’attività del responsabile del servizio (site manager). In questo caso la persona nominata per il ruolo di supervisore/coordinatore deve possedere adeguate capacità non solo operative ma anche organizzative e di coordinamento del personale dell’Appaltatore attivo presso la sede di Via Filodrammatici 2 (Teatro), in modo da gestire attività e interventi in modo flessibile secondo le esigenze della programmazione del Teatro. Il supervisore/coordinatore può anche sostituire eventualmente il responsabile del servizio in orario serale in concomitanza di spettacoli o altre manifestazioni (art. 5.1 lettera a).

Chiarimento n. 46

Domanda:

Buongiorno, si chiede conferma che per partecipare alla procedura di gara sia sufficiente la sola registrazione sulla piattaforma E-Procurement e non anche l'iscrizione all'Albo fornitori del Teatro della Scala. Grazie molte.

Risposta:

Buongiorno, per partecipare alla procedura è necessaria la sola registrazione e acquisire il codice di accesso. Non è serve l'iscrizione all'albo.

Chiarimento n. 47

Domanda:

1) Presidi Fissi – Capitolato - Paragrafo 5.1 a Per quanto concerne le giornate in cui gli eventi si svolgono al di fuori dell’orario lavorativo vengono richiesti n 4 addetti dalle ore 18.00 fino a fine evento. a. Tali presidi sono da intendersi in aggiunta oppure in sostituzione rispetto alle 5 risorse richieste durante l’orario lavorativo normale (n. 5 addetti su un orario minimo di 10 ore)? b. Quando l’evento avviene al di fuori dell’orario lavorativo, sono previste a. 5 risorse dalle 08.00 alle 18.00 + le 4 risorse dalle ore 18.00? b. Oppure sono richieste solo le 4 risorse dalle ore 18.00? 2) Sulla base del numero di spettacoli / prove specificati nel capitolato al paragrafo 5 pagina 5 a. E’ possibile quantificare quanti sono gli eventi che svolgono al di fuori dell’orario lavorativo? 3) Attività speciali in attuazione del Protocollo sanitario…… Covid 19” - paragrafo 09.12. pag 19 del Capitolato Il capitolato d’appalto riporta quanto segue: “Il corrispettivo economico relativo a queste attività speciali è da computarsi separatamente rispetto alle attività ordinarie previste dal capitolato, e sarà dovuto dalla Fondazione all'Impresa Appaltatrice solo per i periodi in cui tali attività saranno effettivamente eseguite” Chiediamo conferma che la base d’asta indicata ed il monte ore annuale comunicato non comprendano l’espletamento di tale attività Chiediamo altresì delucidazioni relative alle eventuali modalità di remunerazione di dette attività. 4) Pulizia corpi illuminanti a. In merito alla pulizia del lampadario centrale del teatro, da effettuarsi con frequenza annuale, in fase di sopralluogo è stato indicato che la committente provvederà smontare e rimontare le parti da pulire del lampadario (cristalli e parti metalliche) sostituendo i fili di acciaio nichelato. Tali informazioni contrastano quando indicato nel capitolato prestazionale. Chiediamo delucidazioni in merito. 5) Pulizia del teatro a. Chiediamo indicazione circa il numero di spettatori medio registrato per singolo evento nell’anno 2019. b. Chiediamo se la mensa, le cucine e le celle frigorifero collocate al 3 piano rientrino nel perimetro delle attività di pulizie richieste.

Risposta:

1) Presidi Fissi – Capitolato - Paragrafo 5.1 a Per quanto concerne le giornate in cui gli eventi si svolgono al di fuori dell’orario lavorativo vengono richiesti n 4 addetti dalle ore 18.00 fino a fine evento.

a. Tali presidi sono da intendersi in aggiunta oppure in sostituzione rispetto alle 5 risorse richieste durante l’orario lavorativo normale (n. 5 addetti su un orario minimo di 10 ore)?

Risposta

I 5 operatori di presidio in orario diurno sono richiesti per l’orario 8:00 – 18:00, come espressamente indicato all’art. 5.1 a) del capitolato. Gli operatori in presidio serale (spettacoli fuori dall’orario diurno 8:00-18:00) sono quindi in aggiunta rispetto a quelli del presidio diurno.

b. Quando l’evento avviene al di fuori dell’orario lavorativo, sono previste

a. 5 risorse dalle 08.00 alle 18.00 + le 4 risorse dalle ore 18.00?

Risposta Come espressamente indicato all’art. 5.1 a), nel caso di spettacoli che avvengano fuori dall’orario 8:00-18:00 il presidio da garantire è comunque di 5 operatori durante il giorno (orario 8:00-18:00), mentre a partire dalle ore 18:00 il presidio da garantire è di due operatori nell’area monumentale e due operatori in palcoscenico, fino al termine dello spettacolo. Il presidio non è quindi di 5+4 addetti, ma di 5 addetti fino alle ore 18:00 (che coprono anche le attività legate a spettacoli che siano programmati nell’orario 8:00-18:00) e di 4 addetti (due per l’area monumentale e due per il palcoscenico) dalle 18:00 al termine dello spettacolo.

b. Oppure sono richieste solo le 4 risorse dalle ore 18.00?

Risposta Sì, dalle ore 18:00 i 5 addetti del presidio diurno (8:00-18:00) terminano la loro attività, mentre subentrano i 4 addetti del presidio serale in caso di spettacoli programmati fuori dall’orario 8:00-18:00.

2) Sulla base del numero di spettacoli / prove specificati nel capitolato al paragrafo 5 pagina 5 a. E’ possibile quantificare quanti sono gli eventi che svolgono al di fuori dell’orario lavorativo?

Risposta Il calendario della stagione 2021 non è ancora disponibile in quanto dovrà essere elaborato alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica e della conseguente possibilità di riaprire il Teatro al pubblico, aspetti che inevitabilmente influenzeranno la programmazione artistica della stagione, come già specificato nel Capitolato. E’ possibile al momento stimare che circa l’80% degli spettacoli avvenga in orario serale, con inizio usualmente alle ore 20:00. Si tratta pur sempre di una stima indicativa che può variare a seconda della programmazione del Teatro.

3) Attività speciali in attuazione del Protocollo sanitario…… Covid 19” - paragrafo 09.12. pag 19 del Capitolato Il capitolato d’appalto riporta quanto segue: “Il corrispettivo economico relativo a queste attività speciali è da computarsi separatamente rispetto alle attività ordinarie previste dal capitolato, e sarà dovuto dalla Fondazione all'Impresa Appaltatrice solo per i periodi in cui tali attività saranno effettivamente eseguite” Chiediamo conferma che la base d’asta indicata ed il monte ore annuale comunicato non comprendano l’espletamento di tale attività Chiediamo altresì delucidazioni relative alle eventuali modalità di remunerazione di dette attività.

Risposta In merito al quesito posto, si fa presente che le attività per Covid-19 sono state ricomprese nella base asta e verranno computate e contabilizzate come da Capitolato Speciale d'Appalto, a cui si rimanda.

4) Pulizia corpi illuminanti a. In merito alla pulizia del lampadario centrale del teatro, da effettuarsi con frequenza annuale, in fase di sopralluogo è stato indicato che la committente provvederà smontare e rimontare le parti da pulire del lampadario (cristalli e parti metalliche) sostituendo i fili di acciaio nichelato. Tali informazioni contrastano quando indicato nel capitolato prestazionale. Chiediamo delucidazioni in merito.

Risposta Quanto riportato nel quesito è errato. Durante il sopralluogo è stato indicato che a è carico della Fondazione il montaggio e lo smontaggio del ponteggio necessario a tutte le operazioni di pulizia e manutenzione del grande lampadario della sala teatrale. Tutte le operazioni riportate sull’allegato 2 al capitolato (punto 4 lettera i) sono a carico dell’Appaltatore.

5) Pulizia del teatro a. Chiediamo indicazione circa il numero di spettatori medio registrato per singolo evento nell’anno 2019.

Risposta Trattasi di dati riservati afferenti l’attività interna della Fondazione. Tali dati non sono ritenuti propedeutici ai fini della predisposizione dell’offerta.

b. Chiediamo se la mensa, le cucine e le celle frigorifero collocate al 3 piano rientrino nel perimetro delle attività di pulizie richieste.. Risposta Gli spazi della mensa sono compresi nell’appalto solo per quanto riguarda quanto specificato all’art. 9.3.3 del Capitolato, ovvero pulizia delle vetrate, degli infissi e delle zanzariere, delle tubazioni e canali vari collocati nei locali delle Mense Aziendali sia del Teatro che di via Bergognone 34, oltre che per quanto riguarda lo spostamento dei rifiuti prodotti dalle mense come specificato agli artt. 6.1 e 11 del Capitolato. Inoltre l’art. 8.1 del Capitolato indica che possono essere richiesti interventi di pulizia presso le mense aziendali su richiesta della Fondazione; questi interventi di pulizia non sono quindi regolari, possono essere richiesti saltuariamente in condizioni particolari/eccezionali e vanno considerati come inclusi nell’appalto.

Chiarimento n. 48

Domanda:

Buongiorno, con la presente si chiede: 1) in relazione al requisito 6.3 E.2 si chiede le annualità sulle quali calcolare la media del numero di addetti; 2) in relazione al requisito 6.3 G, in caso di RTI costituendo, se tale requisito debba essere posseduto solo dalla mandataria oppure da tutti gli operatori partecipanti al RTI; 3) in relazione alle riduzioni applicabili alla cauzione provvisoria, in caso di RTI, posto che la riduzione del 50% è applicabile solo in caso di possesso della certificazione ISO 9001 da parte di tutti gli operatori raggruppandi, si chiede se le ulteriori riduzioni di cui all'art.93 comma 7 (riduzione 30% e riduzione 20%) possano essere applicate anche in caso di possesso delle relative certificazioni da parte della sola mandataria. Si ringrazia. Distinti saluti

Risposta:

In ordine al quesito 1), in relazione al requisito dell'organico medio annuo, il riferimento per la comprova del requisito è l'Allegato XVII, Parte II, lettera h), secondo il quale, l'indicazione dell'organico medio annuo è riferito agli ultimi tre anni;

In merito al quesito n. 2) ed al requisito richiesto nel Disciplinare di gara al paragrafo 6.3, lett. G), si fa rilevare che trattasi di requisito di esecuzione del servizio e, come tale, verrà richiesto direttamente in capo all'aggiudicatario (che in caso di R.T.I. si dovrà costituire). In sede di presentazione dell'offerta, tale requisito potrà essere posseduto dalla mandataria o da una delle mandanti partecipanti al R.T.I., NON ESSENDO NECESSARIO che il requisito debba essere posseduto da tutti gli operatori riuniti.

Con riferimento al quesito 3), si fa presente che, ai sensi dell'art. 93 del Codice, nel caso di partecipazione alla gara d'appalto di un'associazione temporanea di imprese, tutte le riduzioni della cauzione provvisoria sono consentite - nel caso di associazione temporanea di imprese di tipo orizzontale - solo qualora tutte le imprese associate siano in possesso della certificazione di qualità, stante il regime di responsabilità solidale delle imprese stesse, ai sensi dell'art. 48, commi 2 e 5 del D. Lgs. n. 50/2016.

Chiarimento n. 49

Domanda:

Nel Modello 1 – domanda e dichiarazioni integrative è riportato un campo relativo ai familiari conviventi (punto 7, pag. 8). Tra gli atti di gara è anche presente un modello denominato Modello 4 riservato al concorrente: “Dichiarazione sostitutiva familiari conviventi” che non risulta tra i documenti amministrativi da inserire nella Busta A. Vogliate darci conferma che in sede di gara va resa solo la dichiarazione contenuta nel Modello 1, mentre la dichiarazione di cui al Modello 4 va resa successivamente da parte del concorrente aggiudicatario. Si ringrazia

Risposta:

"in ordine al quesito posto, si vedano le FAQ pubblicate ed in particolare, il chiarimento n. 3".

Chiarimento n. 50

Domanda:

In riferimento all’assolvimento del bollo inerente la domanda di partecipazione, si chiedono i riferimenti per la compilazione del mod. F23, e in particolare il “codice ufficio o ente” da inserire nel campo 6.

Risposta:

Buongiorno, di seguito il dato richiesto:

codice: TNL

Tipo: U

denominazione: Ufficio Territoriale di MILANO 1

Chiarimento n. 51

Domanda:

In merito ai contenuti della busta B – Offerta Tecnica (art. 14 del Disciplinare di gara), si chiede conferma che gli eventuali allegati citati all’art. 14 del Disciplinare di gara (pag. 26) siano opzionali, e quindi che la mancata presentazione di ulteriore documentazione rispetto al Progetto Tecnico (di 20 facciate) non sia causa di esclusione dell’operatore economico dalla procedura di gara; in caso contrario, si richiede un elenco esaustivo di quali allegati sia necessario presentare Si chiede inoltre conferma che eventuali allegati non vengano comunque valutati ai fini dell’attribuzione del punteggio tecnico.

Risposta:

Si conferma che gli allegati citati nell'art. 14 del Disciplinare sono da intendersi eventuali ed opzionali a discrezione dell’Operatore Economico - La mancata allegazione degli stessi non comporta un'automatica esclusione dell'offerta.

Per la valutazione si veda il contenuto del disciplinare